BUSINESS PLAN PER STRUTTURE TURISTICHE


[email protected] iscriviti al canale avrai in omaggio due ore di consulenza online Eccoci qua a spiegarvi il business plan per una struttura turistica iniziamo per prima cosa facciamo le analisi delle tariffe dei nostri concorrenti Ho fatto questo foglio di latte scoli qua ok E poi mese per mese febbraio registrate se avete anche delle manifestazioni tipo fiere vicino alle vostre strutture belle feste padronali e così via Evidenziato anche in questo prospetto, I sabati poi dai siti dei vostri concorrenti oppure altra verità non naturalmente scrivete la tariffa che più si avvicina alla tipologia Della camera e delle vostre camere hanno mettete certamente una tariffa. Delle suite se voi non avete suite Quindi in questo caso io ad esempio. Ho messo le tariffe giorno per giorno potete anche mettere 34 tariffe sempre le stesse, lo stesso periodo e per mese e farne poi una media sotto sotto vedete Viene fuori una media poi ho messo anche delle note per non solo evidenziare mie ricordarmi qualche caratteristica particolare di quella determinata struttura in quel determinato periodo Questo è un lavoro diciamo che bisogna fare con calma E chiaramente vedrete che mano a mano che inserite. Le tariffe già tante piccole domande tante un po la situazione Della della vostra concorrenza vi. Sembrerà più. Cult più chiara partendo quindi dal cui andiamo avanti a fare il una previsione, del fatturato la previsione Del fatturato è questa chi mi conosce ormai nei video e sa che nelle case linee gialle Sono, tutti I dati che si possono cambiare non vi. Sembrerà strano se io qui ho scritte empio, non Essere aperti sono dieci giorni e così via si cambia solamente. I giorni che prevedete di vendere e la tariffa media della camera facciamo un esempio a gennaio potete vendere 310 no cioè 30 giorni per dieci camere pensate invece voi di venderne e 80 quindi avrete un tasso di occupazione Del 26 per cento a vorreste applicare una tariffa che il tasso di occupazione è naturalmente Cambia anche il fatturato e fate questo mese per mese primo secondo e terzo anno fatelo molto bene con molta diciamo rifletteteci molto e fa delle vostre considerazioni da questo passiamo alla previsione dei costi I costi Diciamo e le spese io le ho divisi in Diciamo investimenti I costi fissi e poi I costi variabili sempre più anni secondo anno qui una raccomandazione Naturalmente io qui inserisco I costi Nel momento in cui li affronto perchè facendo questo schema vedrete in automatico mi esce fuori il crescevo le Disponibilità finanziarie ad esempio il sito web di 4.000 euro può darsi lo paghi 2 mila euro a gennaio 2000 euro ad aprile quindi dovesse dividere la cifra seconda diciamo per non per competenza piuttosto per cassa per quando li pagate Andiamo avanti quindi questo qua è l’investimento del primo anno il secondo anno non So prevedo di comparare della biancheria ma a pagarla ad aprile il terzo anno dei bagni e così via andiamo avanti Adottato il sistema del periodo di pagamento e e Ad esempio come al solito il giallo è quello che dovete potete si può cambiare il il Come in questo caso gli oneri. Del personale. Ho scritto il 40 per cento ma può variare a seconda della tipologia Del contratto che fate ai vostri collaboratori idem imposte tasse io ho considerato un 15 per cento sul fatturato chiaramente potete variarle come chiaramente qui potete inserire invece diciamo di egli accumulo Mese per mese Di quello che andrete a pagare sul fatturato potete mettere ad esempio invece il periodo e la scadenza delle delle vostre delle vostre so all’inizio di previsioni 5 il 10 per cento a seconda della struttura chiaramente quando il bilancio si consolida questo imprevisto Può sparire o diminuire notevolmente I costi variabili anche qui mette di il costo unitario Pulizia le camere 2 euro ad esempio c’è un esempio da gennaio prevedo di vendere 80 caro 80 notti quindi due per 80 360 Commissioni cosa faccio prima di tutto stabilisco la percentuale che posso immaginare di vendere alle Diciamo alleata o ai tour operator cioè la percentuale Del mio fatturato su cui sopra dovrei pagare delle commissioni quindi stabilito la mia percentuale viene fuori il costo mensile Ecco qua il costo mensile di quello che devo pagare La lavanderia di stampa di el utenze seguono, lo stesso discorso che mi. Ha fatto sulle pulizie delle camere quindi a questo punto fatto una previsione del fatturato e ho fatto una previsione dei miei Dei costi andiamo un pochino ad analizzare il punto di pareggio guardate cn nome differenza tra Naturalmente il punto di pareggio cioè la l’analisi. Del fatturato e dei costi mese per mese Rispetto poi naturalmente la disponibilità liquida in questo caso io li fuori ho messo sempre I giorni vendibili doni minuti e poi costi annuali che vado a dividermi a seconda percentualmente nei dodici mesi Qui faccio una piccola riflessione Attenzione quando ad esempio si parla della tariffa più bassa Recupero I costi variabili ma I fissi no tenete presente che la tariffa è composta da costi fissi costi variabili e la casualmente la L’utile che voi desiderate Se una determinata tariffa non. Recuperi costi fissi ce ne sarà un’altra che deve recuperare I suoi costi fissi Del suo periodo più. I costi fissi che io mi sono fatto a pagare in un altra tariffa questa è una riflessione che lascio un pochino a voi perché ho visto che qualcuno Che si è avventurato. Nel revenues senza avere proprio un’idea alla fine diciamo Sono, stati interpellata in maniera urgente per risolvere un pochino questo patatrac quindi 20 anni ci bene guardate. I numeri ricordatevi come dico sempre I numeri parlano quindi sappiate dialogare Quindi io questa situazione la faccio mi serve qual è la percentuale da attribuire al mese come ad esempio inutile che uno desidera Perché alla fine quello che tutti noi vogliamo è raggiungere l’utile inutile che noi ci siamo Diciamo Ci siamo prefissi il prezzo congruo per raggiungere l’utile desiderata questo è molto importante in questo senso per avere questi 1500 euro di utili io dovrei vendere mediamente a 82 infatti ho venduto 100 e sto sotto di 278 euro qui questo quando si fanno tutte le proiezioni le considerazioni Varie e questo A me serve moltissimo più di un revpar è tutto perché avrete notato che io Le spese fisse annuali Le divido sempre per le camere che io prevedo di Vendere con il programma controllo di gestione io ho sempre sotto controllo quello che sto vendendo Quello che speravo e spero di vendere quindi la variazione dei costi fissi rispetto a quello che vendo E quello che spero di vendere quello che casomai. Ho venduto di più modificherà tantissimo il mio utile per Ogni diciamo ogni consulenza la sua mentalità. Nel suo modo di vedere il mio modo di vedere non voglio avere La mia camera vuota non Deve rappresentare per me un costo I costi mela paiono tutte le camere che vendo attraverso naturalmente una politica di vendita corretta No non, non facciamo esempi estremi ma facendo così seguendo questa logica andrebbe incontro a pochissime sorprese ecco qui allora ha fatto Primo anno il secondo anno il terzo anno questo per questo Business plan è fatto per tre anni e quindi ho tutto la visione completa dopo questo Passiamo alla cosa più importante può darsi che il mio Diciamo mensilmente I guadagni qualcosa però no no no no diciamo disponibilità Finanziarie allora in questo esempio che vi. Ho fatto e una disponibilità Iniziale di 5 mila euro che diciamo la pro al primo di un caso è nelle mie previsioni inserisco sempre questo foglietto questo diciamo questo fondata di 900 a Diminuisce aumenta e tutto molto automatico quindi come al solito tutto abbastanza chiaro e semplice di torniamo qui Quindi poi mese per mese rispetto a quello che io questo è tutto automatico quindi rispetto a quello che io ho già Preventivato di ricavi di costi diversi bill ed I costi variabili gli investimenti che faccio in quel mese la restituzione, del prestito Avrò diciamo, gennaio fino fino alla fine dell’anno Come vedrete come vedete Nei costi fissi io non. Ho messo la restituzione. Del prestito e questo perché quando una persona fa un business plan sicuramente non è un espertissimo in questo caso di turismo voglio che la considera le mie considerazioni sulla tariffa che applico diciamo il confronto con la concorrenza sia Della restituzione, del prestito Perché alle volte uno si stupisce Non c’è una tariffa più alta una più bassa è sempre in considerazione dei costi fissi ma anche degli oneri finanziari dopo vi faccio vedere Dove ho inserito un’analisi da questo punto di vista cioè La mia, I miei costi fissi per quanto riguarda. Il conteggio dell’analisi. Del punto di pareggio non prevede la restituzione degli oneri finanziari Della restituzione dei prestiti o altre mutu e altre cose allora anche qui in questo caso primo anno secondo anno terzo anno allora abbiamo visto tutto l’analisi il preside sui finanziari andiamo a quello che mi dicevo prima Mese per mese questo è sempre sul fatturato che voglio fare sui costi che posso analizzare quello che è successo eccomi qua a gennaio Io ho previsto una tariffa media di 60 euro o un costo variabile? 17 65 ha un costo fisso che ho diviso per le camere che ho venduto di 45 83 a una perdita di 348 in più La mia rata il mio nere finanziario diviso le camere con venduto mi comporta un netto di camera di cordì c 80 negli altri mesi come vedete tutto superiore quello che in meno quindi io quando ho fatto la mia previsione degli Del fatturato la mia previsione dei costi in automatico mi vengono fuori queste analisi. Ho molto da Diciamo studiarci sopra e variale tutte quante le mie previsioni qualsiasi consiglio o diciamo informazione che volete avete pure discrimine a rosalba giuliani 48 chiocciola gmail.com buon lavoro e buona fortuna a tutti

, , , , , , , , , , , , , ,

Post navigation

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *